Antonio Canova e il marmo bianco di Carrara!

Antonio Canova e il marmo bianco di Carrara!

 

Antonio Canova è considerato tra i maggiori scultori di tutti i tempi. Scolpisce il marmo come pochi. Forse solo il grande Michelangelo Buonarroti gli è superiore in maestria e arte…

 

 

Chi era Antonio Canova

Antonio Canova nacque a Possagno, il primo novembre del 1757 (un piccolo paesino del trevigiano) e morì a Venezia, il tredici ottobre del 1822.

 

Canova è stato uno scultore e pittore italiano, ritenuto il massimo esponente del Neoclassicismo in scultura e soprannominato per questo «il nuovo Fidia».

 

Le sue caratteristiche artistiche più importanti sono la ricerca della perfezione, la bellezza e la purezza dell’arte antica, con un’attenzione tutta nuova nel rendere più espressivi ed umani i volti e gli atteggiamenti del corpo.

  • Canova è considerato tra i maggiori scultori di tutti i tempi, capace di dare raffinatezza al marmo e capace di eguagliare e superare lo splendore antico delle sculture greche-romane, sotto il segno, appunto, del suo soprannome, “Nuovo Fidia”.

 

Nota importante: Fidia è stato uno scultore e architetto ateniese, attivo dal 470 a.C. circa fra Atene, Tebe e Olimpia.

 

“Le Tre Grazie” – opera di Antonio Canova esposta al Museo Gypsotheca Antonio Canova – clicca sulla foto per ingrandirla

 

Sculture immortali

Possiamo tranquillamente definire opere immortali le sculture di Antonio Canova. Sono di una bellezza senza tempo. Ci tolgono il fiato per la loro intensità.

  • Nelle sue sculture l‘antico si fonde con una nuova idea di modernità.

Canova scolpisce il marmo come pochi. Forse il solo Michelangelo Buonarroti gli è superiore in maestria e arte. I blocchi di marmo scolpiti dal Canova diventeranno sculture immortali e capolavori di sublime bellezza.

 

“Ercole e Lica” – statua scolpita da Antonio Canova ed esposta nella Gypsotheca Canova a Possagno (clicca per ingrandire)

 

Antonio Canova e il marmo bianco di Carrara

Proprio come il grande Michelangelo, anche Antonio Canova amava il marmo bianco di Carrara (tra i marmi più pregiati nel mondo). Michelangelo Buonarroti privilegiata proprio quei marmi, tanto che si recava nelle cave per scegliere i pezzi più adatti.

Pur essendo ancora uno scultore giovane e poco conosciuto, anche il Canova si recò da Roma alle miniere apuane per scegliere il marmo adatto.

 

Come è noto egli usava per le sue sculture solo marmo bianco di Carrara.

 

“Teseo e il centauro” – opera di Antonio Canova esposta al Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno (clicca per ingrandire)
Articolo costruito con l’uso di più fonti:
  1. info sono state prese dalla pagina di Wikipedia dedicata ad Antonio Canova;
  2. altre info sono state tratte dal bell’articolo di Rebecca Pedrazzi sulla rivista (globusrivista.it)
  3. il video sulla vita di Antonio Canova è tratto dal canale Youtube Rendarte Piaz;
  4. infine info sono state tratte dal quotidiano online Italia Oggi;
  5. tutte e tre le foto sono tratte dal Museo Gypsotheca Antonio Canova.

 

 

Vuoi acquistare del marmo bianco di Carrara?

Contatta subito la Be Marmi di Carrara:

 

Antonio Canova e il marmo bianco di Carrara!

LA PIETÀ: il primo capolavoro di Michelangelo in marmo di Carrara!

Il David di Michelangelo in marmo bianco di Carrara.

 

Chi siamo

Marmi pregiati italiani

L’arte e la cultura del marmo sul nostro blog.

Marmo Nero Portoro: l’oro nero di Portovenere.

Ultimo articolo sul blog Marmo Nero Portoro: White Carrara 2024

english version

 

 

© BE.MARMI Srl – Tutti i diritti riservati
P. IVA: 01221790452 | – via Anderlino, 3 – 54033, Carrara (Ms), Italy | Tel. (+39)339 7336685

Privacy Policy | Cookie Policy

 

 

(Visited 9 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto